Cantine Europa

Una Storia e un Logo

Nel 1971 venne dato il nome alla cooperativa agricola di “Cantine Europa”, il quale prende spunto dalla mitologia greca, ed ha come protagonista una giovane principessa fenicia, figlia di Agenore e Telefessa, chiamata Europa.
La storia narra che un giorno, Zeus la vide e se ne innamorò all’instante, per non attirare l’attenzione della giovane, si trasformò in un bellissimo toro bianco, e andò verso la fanciulla. Quando le si avvicinò, la principessa
perfettamente a suo agio e per nulla intimorita cominciò ad accarezzare la bestiola salendogli sul dorso.
A quel punto Zeus indirizzandosi verso il mare porta Europa sull’isola di Creta, dove quest’ultima scopre la vera identità di Zeus, innamorandosene.
Tra i due nacque una storia d’amore, ed il re degli Dei decise di donare due regali alla sua amata: per prima cosa chiamò l’isola dove erano sbarcati Europa e poi creò una costellazione dal nome “Toro”.

Il logo aziendale, ispirato a questa storia mitologica vuole raffigurare l’unione tra i due innamorati: da un lato il profilo della principessa Europa, dall’altro quello del toro, ovvero Zeus.

Company Profile

PDF – 14 MB

0
Soci conferitoti
0
Ettari totali
0
Ettari totali BIO
0 q
Totale uve conferite dai soci
0
Numero di bottiglie prodotte
0 +
Paesi in cui siamo presenti
0
Fatturato 2022

1962

Anno di fondazione

1971

Prima Vendemmia

1972

Nascita della prima bottiglia: Carrateddu

1997

Sperimentazione ed introduzione sul campo delle varietà internazionali

2001

Ristrutturazione della cantina ed installazione di macchinari più tecnologici

2003

Primi vini esportati all'estero

2005

Installazione di pannelli fotovoltaici

2014

Nascita del brand Sibiliana Vini

2016

Collaborazione con Università di Palermo e fusione con PVR

2017

Produzione dei primi vini frizzanti e spumanti

2022

Cantine Europa è la prima cantina sociale ad ottenere la certificazione di sostenibilità integrata "Sì Rating"

2023

Nascono i primi vini in anfora

Valore Umano

Il valore umano di Cantine Europa è rappresentato dai nostri soci viticoltori, che hanno creato nel tempo un modello di azienda, esempio di cooperazione e unità. 
Una forza motrice che tramite l’attenta osservazione delle pratiche agronomiche in vigna, ci consente di esplicare al meglio tutte le caratteristiche territoriali delle nostre uve.